Il rilievo dei sinistri stradali – Strumentazioni e dotazioni tecniche indispensabili – di Franco Morizio

Il rilievo dei sinistri stradali – Strumentazioni e dotazioni tecniche indispensabili – di Franco Morizio

Quotidianamente il personale che svolge servizi di polizia stradale è impegnato sulle strade per il rilievo dei sinistri stradali di diversa natura e gravità. Solitamente, la dotazione abituale prevede l’assegnazione di una valigia per il rilievo degli incidenti contenente il minimo equipaggiamento necessario.

Talvolta ahimè non è sufficiente!! Un conto è la valigia per il rilievo degli incidenti stradali usata quotidianamente dal personale in servizio di polizia stradale, un conto è una valigia contenente strumentazioni e dotazioni tecniche necessarie per eseguire rilievi più approfonditi per il rilievo di un sinistro stradale mortale, quale conseguenza alla pirateria della strada, episodi purtroppo che accadono sempre più frequentemente. In questo specifico caso il teatro del sinistro stradale è da considerarsi una  vera e propria scena del crimine, a tutti gli effetti;  non è un’arma a uccidere una persona ma il veicolo alla guida del quale il conducente non si ferma e si allontana senza prestare soccorso alla vittima. In determinati casi, al fine di eseguire accurati rilievi tecnici, sono indispensabili semplici utensili, come pinzette e forbici per prelevare idoneamente frammenti o ritagliare lembi di stoffe da sottoporre a successive analisi in laboratori specializzati e ancora le tabelle alfanumeriche, i gessetti e il metro estensibile, inoltre buste e appositi contenitori per prelevare e conservare eventuali reperti (vetri, fanaleria, rami, fibre, brandelli dei vestiti, detriti di vernice, oggetti vari o altro, sia quelli appartenenti alla vittima che al presunto responsabile, ecc.). Dette dotazioni e strumentazioni sono necessarie e indispensabili per eseguire i rilievi tecnici anche in occasione di altri eventi in cui si è portati a intervenire mediante i rilievi (es. gravi infortuni domestici, infortuni sul lavoro, ecc.). È quindi da considerarsi una dotazione supplementare a quella abitualmente utilizzata per il rilievo dei sinistri stradali di lieve entità. In considerazione poi che dette strumentazioni, spesso, vengono utilizzate in situazioni e condizioni estreme è necessario che la valigia sia di tipo rinforzato.

La valigia porta dotazioni, consigliabile in materiale  ad alta resistenza, quindi dovrà essere dotata di rinforzi angolari e di un sistema di divisori del fondo, progettati per rimanere nella propria sede anche in caso di urti laterali e capovolgimento accidentale della valigia, con diverse combinazioni modulari interne possibili che consentano di ottenere qualunque configurazione desiderata per gli oggetti o per le strumentazioni contenute. Una valigia idonea a garantire il trasporto delle strumentazioni tecniche e delle dotazioni in massima sicurezza. Passiamo ora a verificarne i principali contenuti (specificandone terminologia esatta e loro impiego), che dovranno essere collocati internamente alla valigia con appositi separatori: tabelle lettere alfabeto ”A-H” decimetrate utilizzate come indicatori per i rilievi fotografici sulla scena del crimine, con scala millimetrata per stabilire le dimensioni dell’oggetto, tabelle numerate decimetrate combinabili (con ulteriori tabelle aggiuntive di misura inferiore numerate 1-2-3)  per identificazione dei punti da 1 a 39  (quali indicatori per i rilievi fotografici sulla scena del crimine) con scala millimetrata per stabilire le dimensioni dell’oggetto, tabelle punto d’impatto impiegate come indicatori per i rilievi fotografici sulla scena del crimine dell’esatto punto in cui i 2 o più veicoli hanno impattato, kit alfanumerici e righelli autoadesivi da utilizzare nei rilievi fotografici utili per evidenziare e rapportare oggetti su superfici non piane, tabelle frecce per i rilievi fotografici sulla scena del crimine per  indicare la direzione delle persone/pedoni o il senso di marcia per i veicoli, tabelle orme persone/pedone quali indicatori per i rilievi fotografici sulla scena del crimine della posizione del pedone coinvolto nel sinistro o delle persone, squadre millimetrate bifacciali bianco e nero/nero e bianco da utilizzare come indicatori a squadra ad angolo retto utilizzati per i rilievi fotografici di oggetti, tracce o impronte, puntatore laser verde per la definizione di eventuali traiettorie e relativi rilievi fotografici, termometro laser a infrarossi per rilevare la temperatura di superfici o persone, contenitori sterili da utilizzare per la custodia di reperti di cui si necessita la conservazione senza la contaminazione esterna, contenitori reperti utilizzati per la custodia di reperti di cui necessita la conservazione, tamponi sterili per prelevare e conservare campioni senza contaminazione, lampada uv utilizzata per migliorare le visibilità di tracce su superfici come vetro, asfalto, cemento, pavimenti, legno, ecc., occhiali di protezione e contrasto per luce UV per la protezione dai raggi uv e il miglioramento della visibilità della traccia biologica illuminata, multimetro quale rotella metrica per la misurazione di distanze, metro laser quale misurazione laser di precisione, manometro digitale utilizzato per misurare la pressione degli pneumatici, pastelli industriali per marcare e tracciare su superfici anche bagnate, pennarelli vetro grafici per marcare e tracciare su superfici come vetro, piastrelle, sacchetti reperti in carta e polietilene con busta antieffrazione monouso numerabile e personalizzata per il repertamento di prove, oggetti e reperti, guanti in nitrile non talcati, mascherine, calzari, tuta in tyvec utilizzati per preservare la scena del crimine, pinzette monouso sterili per il prelievo di campioni, telo chirurgico utilizzato per appoggiare utensili oppure oggetti vari, nastro bicolore polizia locale utilizzato per delimitare aree della scena del crimine, copricapo (cuffie) per preservare la scena del crimine, bisturi quale strumento utilizzato per l’incisione, forbici per il taglio e la campionatura di reperti, angolari decimetrati adesivi quali indicatori ad angolo retto utilizzato per i rilievi fotografici di oggetti, tracce o impronte, bindella quale rotella metrica per misurazioni di distanze tra oggetti, guanti anti taglio da utilizzare alla presenza di oggetti a taglio, corda e piombini per sigillare particolari contenitori, telo multiuso, astuccio rilievi incidenti in nylon plastificato di colore blu con banda rifrangente, per eseguire rilevazioni varie, contenente carta bianca, carta millimetrata, normografo, righello, calcolatrice, penne e matite, gomme per cancellare. Infine nella valigia in apposito contenitore dovrà essere presente una check list o meglio un registro di carico e scarico (un registro con riepilogo e nr. pezzi contenuti) per ricollocare gli strumenti utilizzati a termine giornata lavorativa. La revisione costante delle dotazioni strumentali del veicolo di servizio di una pattuglia del pronto intervento, consigliabile giornaliera a inizio e fine turno, secondo il mio punto di vista, rappresenta un passaggio fondamentale, obbligatorio e di routine.

ALCUNE DELLE DOTAZIONI NECESSARIE

In appositi contenitori separati dovranno essere disponibili:

  • Una macchina fotografica e una videocamera per i rilievi fotografici e videografici, con tutte le relative dotazioni tecniche necessarie.

Legenda:

  1. 1 Camera Reflex o Bridge
  2. 2 Lenti ausiliarie (grandangolo, normale con macro, teleobiettivo)
  3. 3 Flash esterno
  4. 4 Cavalletto (a tripode) per fotocamera e videocamera
  5. 5 Comando remoto camera
  6. 6 Memorie ausiliarie con lettore di schede
  7. 7 Batterie ausiliarie e caricabatterie per camera, flash, telecomandi
  8. 8 Filtri di protezione lenti
  9. 9 Kit pulizia lenti e sensore
  10. 10 Borsa o zaino
  11. 11 Buste di plastica antipioggia per apparecchiature
  12. 12 Manuali di istruzioni delle apparecchiature
  1. Videocamera digitale con supporto per illuminatore ausiliario
  2. Illuminatore a led ausiliario
  • Lo strumento portatile di rilevazione delle radiazioni (al fine di garantire la sicurezza degli operatori, della cittadinanza e dei presenti sul luogo del sinistro stradale nel caso in cui nel sinistro stradale fossero  coinvolti veicoli adibiti al trasporto merci pericolose radioattive ADR, oppure alla sola presenza di presunte sostanze nocive).

L’attrezzatura per illuminazione speciale (torre faro), laddove durante i rilievi vi fosse insufficiente luminosità.

Kit lampade varie

     

Un drone (per le riprese video-fotografiche dell’intera area del sinistro stradale)

Lampade uv con idonei occhiali di protezione (le  onde ultraviolette reagiscono con una varietà di composti – tra cui vitamine del gruppo B, clorofilla e chinino, sangue, urina, saliva e sperma)  che fanno brillare le loro molecole in blu, verde e altri colori. Alcune lunghezze d’onda visibili e infrarosse permettono di evidenziare altre tracce biologiche, facilitando la ricerca di prove importanti.

       

 

Powered by FGraphiX